Altri servizi

Risarcimento danni per incidenti stradali mortali

Le tipologie di danno per il risarcimento da incidente stradale mortale in favore dei prossimi congiunti, conviventi e altri soggetti sono molteplici e comprendono:

  • I danni morali
  • I danni patrimoniali
  • Danno da morte "iure hereditatis"
  • Danno da perdita della vita (giurisprudenza recente) "iure Hereditatis"-
  • Il danno esistenziale

Risarcimento per un incidente stradale

Il risarcimento a seguito di un incidente stradale nel quale si sono verificati danni materiali o fisici è disciplinato oltre che, in via generale, dal codice civile, anche dal codice delle assicurazioni.
Seconde le norme chiunque abbia subito, a causa di un sinistro o incidente stradale, un danno ingiusto, ha diritto al risarcimento di tutti i danni subiti. Se nessuno dei danneggiati nell'incidente stradale riesce a dimostrare la responsabilità dell'altra parte, il sinistro si presume sia stato provocato con eguale responsabilità (concorso di colpa al 50%) e che quindi ognuno ha diritto solamente al 50% del risarcimento dei danni subiti, a prescindere dall'entità dei danni stessi.

Risarcimento danni fisici

Se, dopo un sinistro stradale, accusate dolori fisici, consigliamo di recarvi entro le 24 ore ad un pronto soccorso per accertare che le lesioni fisiche subite siano state causate dall'incidente stesso. I medici del pronto soccorso rilasceranno un verbale che attesterà nella diagnosi le parti del corpo interessate dai traumi e nella prognosi i giorni di inabilità temporanea assoluta.

Risarcimento dei danni estetici

Il danno estetico comporta, in ogni caso, un danno biologico, ma essa può avere anche incidenza sull'attività lavorativa concretamente svolta dall'infortunato, soprattutto in attività connesse al mondo della moda e dello spettacolo. Nel giudicare il risarcimento del danno estetico bisogna tener conto di fattori vari: sesso, età, condizione socio-culturale, stato anteriore (idoneità del soggetto passivo a subire un peggioramento fisiognomonico.

Risarcimento danni del passeggero trasportato

Il passeggero trasportato che ha subito danni ha sempre diritto al risarcimento, a prescindere dalla responsabilità dei soggetti coinvolti nel sinistro stradale. Il passeggero potrà quindi chiedere ed ottenere il risarcimento dei danni, sia materiali che fisici, direttamente alla compagnia assicurativa del vettore (veicolo in cui era trasportato) senza dover dimostrare quale dei conducenti ha avuto responsabilità nel sinistro ma avendo l'esclusivo onore di provare la sua qualità di trasportato e il nesso causale tra l'incidente e le lesioni e/o danni subiti.

Risarcimento nei casi di chirurgia estetica

Nella chirurgia estetica, come in ogni altro settore medico il chirurgo dovrebbe avere un obbligo dei mezzi e non di risultato, dal momento che è impossibile garantire sempre un successo dell'operazione chirurgica o meglio la soddisfazione del paziente per i risultati estetici raggiunti. Risulta innanzitutto importante il particolare dovere d'informazione da parte del medico (cosi detto consenso informato), che dovrebbe fornire al paziente tutti gli elementi per poter scegliere, in particolar modo circa le conseguenze ed eventuali effetti collaterali dell'intervento. Il contenzioso con il chirurgo estetico ai fini di un'azione risarcitoria potrà nascere solo se il paziente ritiene il risultato non solo insufficiente, ma lesivo della propria persona.

Risarcimento del danno per la perdita o lesioni del feto in gravidanza

Quando una donna si trova in stato di gravidanza, la tutela risarcitoria si estende anche al feto che porta in grembo. La legge dispone che la vita inizia con il concepimento ed i primi respiri del nascituro. In base a tele disposizioni normative, il risarcimento dei danni da perdita del feto per un evento colposo o doloso non possono essere equiparati a quella da perdita della vita ma sono comunque risarcibili. 

Risarcimento in gravidanza: danni arrecati al feto

Il discorso è diverso se, a seguito di un incidente stradale o di un altro sinistro, la donna in gravidanza subisce danni fisici tali da apportare lesioni al feto (non mortali) le quali diventano con la nascita danni permanenti al bimbo. In questi casi sarà necessario, poiché si tratta di un effettivo danno alla salute di una persona, quantificare le lesioni e le ripercussioni a carattere fisico e psichico del bambino.

Incidente mortale di una donna in gravidanza

Nelle ipotesi di morte di una donna in stato di gravidanza e relativo feto conseguente ad un evento colposo o doloso di terzi, il risarcimento del danno dell'incidente mortale si estende ai prossimi congiunti della vittima.

Consulenza in infortunistica stradale

L'infortunistica stradale è una materia particolarmente recente, nata con l'avvento delle automobili, Ad oggi, gli incidenti stradali costituiscono la maggiore causa di morte nei giovani sotto i 35 anni. La consulenza in materia di infortunistica stradale, data la complessità delle varie tipologie di danno e del relativo risarcimento, deve essere prestata esclusivamente da soggetti competenti ed esperti.